Close

inside

Solitario

Giocavo molto a solitario, quando mio padre aveva sostanzialmente vietato qualsiasi tipo di videogioco e sbavavo per l’informatica. A un certo punto ero diventato bravissimo, velocissimo, giocavo al livello di difficoltà più alto, e lì ho realizzato cosa mi faceva andare avanti a giocare: una sensazione di piacere a livello della bocca dello stomaco, inspiegabile […]

Leggi Ancora

Questo è il giorno in cui doveva ancora succedere

Lo colse alla sprovvista, uno scenario inaspettato sullo scollinare di una strada ai bordi del mare. Una foto fatta 16 anni prima, la metà della sua età. Ci sono diverse cose che la uccisero: a iniziare dai loro visi, giovani e inspiegabilmente belli, nonostante fossero vestiti in modo tra il semplice e lo sciatto. I […]

Leggi Ancora

Barche ormeggiate

– Orza.. orza.. a meno che non vuoi piegarla Berry si spostava continuamente sul ponte della barca come un calabrone intorno al lampadario, sapeva esattamente quello che stava facendo e anche i successivi passaggi. Anel no. – Orza cosa? Devo spingere o tirare? – Se il vento è su Carel, la barca si sta piegando […]

Leggi Ancora

Il letto sulla spiaggia

Ti saluto. Ti saluto amore mio. Ti saluto perché non posso vivere così, con il cuore che sta continuamente per esplodere. Ti ho salutata molte volte, con il sorriso o con le lacrime, con la neve e in riva al mare. Ci si ritrova con i corpi vicini, addormentati, a stringersi ancora. A guardare l’oceano […]

Leggi Ancora

Cenotes/-1

No, non ero un fan dei musei, non ero un fan delle mostre. Si, la avrei seguita in capo al mondo, se mi avesse detto vieni con me. E un giorno me lo ha detto, ma sarebbe stato qualche ora dopo. Fino a quel momento eravamo fuori da quel palazzo, grande e bello. Ci aveva […]

Leggi Ancora

Cenotes/5

E te lo ricordi quando siamo entrati in quel paese che sembrava dimenticato da dio, che mi avrebbe fatto pietà, o forse paura se fossi stato solo. E invece no, mi sembrava disegnato per noi, una sola strada, forse nemmeno un chilometro di strada, pochi bambini che giocavano per strada, la pioggia, si la pioggia […]

Leggi Ancora

Cenotes/4

Ho fatto un sogno. Ho fatto un sogno, eravamo noi due. Noi due, eravamo in un posto, se vogliamo chiamarlo così. Se era un posto era un posto lontanissimo, eravamo solo io e te, e intorno non c’era nessuno. Le persone erano come alberi, sorridenti o imbronciate che fossero, erano uno sfondo. Pochi notavano la […]

Leggi Ancora

Cenotes/3

Ti ho trovata tra tutte, e ti ho scelta per me. – ti ho scelto tra tutti, perché tu sia per me – e quando camminerò, tu camminerai con me – e quando sorriderò, tu sorriderai in me – e quando sarò solo e alzerò gli occhi al cielo – saprò che il mio cielo […]

Leggi Ancora

Cenotes/2

Camminare pochi passi dietro di te. Accorgersi che come nessun altro momento, quel momento non tornerà. Bere di un cielo enorme, con un sapore che non ha niente di casa. Sentire il peso che affonda nel terreno, come volesse rubarmi un po’ di anima. Lontani Lontanissimi Nemmeno oltre le nuvole e l’oceano c’è una casa […]

Leggi Ancora

Cenotes

Volavo e voglio tenermela con me, questa sensazione in un’enorme stanza, volavo lentamente, a movimenti ampi e precisi. Volavo, fino a toccare per terra, la roccia, in una stanza di enormi stalattiti, con poca luce. con quella poca luce vedevo centinaia di colori, potevo immaginare a malapena cosa potesse essere veramente quel posto se avesse […]

Leggi Ancora